Classifica dei 10 modi di dire della lingua Tedesca

I 10 modi di dire più importanti della lingua Tedesca

Ti stai addentrando nella lingua Tedesca e vorresti imparare anche quali sono sono i modi di dire Tedeschi più comuni e facendo delle ricerche ti sei accorto/a che nessuno fa molta chiarezza sull’argomento.

Niente paura, se stai cercando quali sono i “Modi di dire” più importanti usati nella lingua Tedesca sei nel posto giusto, i docenti bilingue della scuola di Italiani In Germania ha preparato per te la,

“Classifica dei 10 modi di dire della lingua Tedesca”

Incominciamo subito col dire che tutte le lingue, proprio come l’italiano, sono caratterizzate da numerosi modi dire, accostamenti di parole che in realtà vanno oltre il loro significato letterale, per esprimere qualcosa di più profondo.

Se vuoi saperne di più sulla lingua Tedesca, ti consigliamo di seguire la prova gratuita del corso A1 di Tedesco di Italiani In Germania

Ecco elencati i “10 modi di dire” più importanti della lingua Tedesca

Schmetterlinge im Bauch haben: questo è per il popolo italiano uno dei più semplici, infatti letteralmente significa avere le farfalle nella pancia. Noi normalmente, quando siamo innamorati, ce le abbiamo nello stomaco!

Das Haar in der Suppe suchen: la traduzione è cercare (suchen) il capello, o il pelo, (das Haar) nella zuppa (in der Suppe); tuttavia in italiano si preferisce dire: trovare il pelo nell’uovo per riferirci a qualcuno di estremamente preciso, minuzioso e fin troppo pignolo, al limite della pedanteria.

Das Eis brechen: brechen significa rompere, das Eis è il ghiaccio. Proprio come in Italia, anche in Germania si usa dire rompere il ghiaccio. E non solo: la stessa espressione si incontra pure in inglese.

Den Faden verlieren: capita spesso che, se qualcuno ci interrompe mentre parliamo, perdiamo il filo. Infatti, molto semplicemente, verlieren significa proprio perdere, den Faden è il filo.

Ein Auge zudrücken: ein Auge si traduce con un occhio, zudrücken con chiudere. Anche in Germania dunque, proprio come in Italia, per evitare qualcosa, all’occorrenza, è meglio chiudere un occhio!

Hinter dem Mond leben: hinter dem Mond è traducibile con dietro la luna, leben con vivere. Questo modo di dire non coincide al 100% con quello italiano: effettivamente qui si dice vivere sulla luna.

In einem Boot sitzen: sitzen è sedersi, in einem Boot significa in una barca. In italiano al posto del verbo sedersi, si utilizza essere: quando qualcosa ci accomuna, possiamo dire di essere sulla stessa barca.

Einen Ohrwurm haben: i modi di dire che abbiamo visto finora hanno una traduzione quasi simile in italiano, ma per questo non esiste una corrispondenza nella nostra lingua. Haben corrisponde al verbo avere e il lemma Ohrwurm è in realtà un composto, formato da Ohr, orecchio e Wurm, verme: niente di tutto questo, in realtà!

Con Ohrwurm si allude a una canzoncina che ci entra nella testa e non va più via, qualcosa di talmente orecchiabile che, anche quando la canzone è effettivamente finita, la sentiamo risuonare nella mente. Ecco, è proprio come avere un vermetto nell’orecchio!

Einen Korb bekommen: anche questo modo di dire non trova una corrispondenza esatta nella nostra lingua. Traducendo parola per parola, einen Korb indica un cesto e bekommen vuol dire ricevere. In italiano possiamo paragonare il cesto al due di picche che qualcuno ci ha dato, alla delusione legata proprio al ricevere un due di picche.

Nicht alle Tassen im Schrank haben: nicht è la classica negazione non, alle significa tutte, Tassen sono le tazze, im Schrank è nell’armadio. Un tedesco che non ha tutte le tazze nell’armadio (o meglio nella credenza), è un italiano che non ha tutte le rotelle a posto.

Zwei linke Hӓnde haben: zwei è una parola spesso conosciuta e corrisponde al numero due, mentre linke Hӓnde si può tradurre con mani sinistre. Ovviamente una simile traduzione sembra del tutto insensata a un italofono, ma pensando che in tedesco una persona che ha due mani sinistre descrive qualcuno che fa cadere tutto ciò che solleva o prende, viene subito in mente il corrispondente italiano: avere le mani di ricotta, o di pastafrolla.

Articolo scritto dalla docente Michela