Come funziona l’IVA in Germania e in Svizzera

Cultura Tedesca,Vivere in Germania

Come funziona l’IVA in Germania e in Svizzera

Come funziona l’IVA in Germania e in Svizzera
  • Germania

L’IVA (Imposta sul Valore Aggiunto) è un’imposta che, sia in Germania che in Svizzera, viene applicata sulla maggior parte dei beni e dei servizi venduti all’interno del paese. Nel paese teutonico si applicano due tipi di aliquota IVA (in tedesco Mehrwertsteuer, di solito abbreviato in MwST): vi è l’aliquota standard che ammonta al 19% e l’aliquota ridotta al 7%. L’aliquota ridotta viene applicata su beni come i principali generi alimentari, libri, giornali e periodici, assistenza medica, ristorazione e hotel, etc. L’aliquota standard, invece, su abbigliamento, Pay TV, oppure partecipazione a eventi sportivi.

In Germania, a differenza di molti altri paesi dell’UE, c’è un limitato numero di prodotti per i quali la detrazione dell’IVA è vincolata. In generale, l’IVA sostenuta per hotel, ristoranti, partecipazione a convegni o taxi può essere detratta al 100% se legata all’attività commerciale. Inoltre, l’IVA sostenuta prima dell’avvio dell’attività commerciale può essere detratta, ma è necessario concordarla con l’ufficio competente, specialmente per importi significativi.

  • Svizzera

Nella Confederazione Elvetica, invece, esistono tre tipi di aliquota IVA: l’aliquota normale (7,7%), l’aliquota speciale (3,7%) e l’aliquota ridotta (2,5%).
La prima viene applicata su prodotti come automobili, tabacchi, orologi/beni di lusso e vari tipi di servizi. La seconda su alloggi, con colazione inclusa, e la terza aliquota su giornali, libri, medicine e alimenti. Sono invece esenti dall’IVA la sanità, la formazione, la cultura e la locazione di immobili.

Le imprese svizzere che generano un volume d’affari annuale superiore a 100.000 Franchi devono versare l’IVA. Esse sono tenute a registrarsi presso l’Amministrazione Federale delle Contribuzioni e calcolare il loro volume d’affari annuo. In seguito verrà loro assegnato un numero IVA. Questa regola si applica anche alle imprese straniere che forniscono prestazioni in Svizzera.
Le associazioni senza scopo di lucro devono invece registrarsi all’IVA nel caso in cui il loro fatturato annuale sia pari o superiore a 250.000 Franchi.

 

Pubblicato da Marco Borriello

Tag:

Condividi su:

Hai bisogno di informazioni sui nostri corsi?

Siamo sempre a tua disposizione per qualsiasi dubbio o domanda sui nostri corsi.

(+39) 348 91 81 362