Cultura Tedesca,Vivere in Germania

Come funzionano gli affitti in Germania?

Come funzionano gli affitti in Germania?

Come funzionano gli affitti in Germania?

Una delle maggiori problematiche da affrontare quando si decide di trasferirsi all’estero, in questo caso in Germania, è capire come prendere in affitto una casa e quali sono gli obblighi a cui adempiere.

Contratto a tempo indeterminato e determinato

In Germania esistono due tipi di contratto d’affitto (Mietvertrag): a tempo indeterminato (unbefristeter Mietvertrag) e a tempo determinato (befristeter Mietvertrag). Un contratto a tempo indeterminato indica che l’appartamento viene affittato senza una scadenza specifica. Se si vuole cambiare casa, bisogna dare un preavviso scritto al proprietario di 3 mesi. Il proprietario può disdire il contratto solo per uso personale, lavori di risanamento o ristrutturazione, o per mancato pagamento dell’affitto da parte dell’inquilino.
Nel contratto a tempo determinato, la durata dell’affitto è specificata. Se si vuole cambiare casa prima della scadenza, il proprietario può richiedere il pagamento dell’affitto fino alla scadenza, ma in alcuni casi particolari, ad esempio per motivi di lavoro o nascita di figli, può essere evitato.


 Dettagli del contratto e i documenti propedeutici alla firma

In un contratto di affitto devono essere incluse tutte le informazioni relative all’appartamento, come i nomi del proprietario e dell’inquilino, il numero di stanze, un’eventuale cantina, garage e i termini per la rescissione del contratto. Deve essere specificato anche il prezzo dell’affitto puro, in tedesco Kaltmiete, e le spese accessorie (Nebenkosten), che devono essere elencate in dettaglio. Queste spese includono solitamente il consumo di acqua, la pulizia della città e i costi di manutenzione. Bisogna tener presente che il riscaldamento e l’elettricità non sono generalmente inclusi nei costi condominiali e devono essere pagati a parte ai fornitori. In questo caso si parla di Warmmiete.

Il contratto stabilisce, quindi, i diritti e i doveri del proprietario e dell’inquilino, come i termini per la rescissione. È importante che venga compilato anche un verbale di consegna (Übergabeprotokoll) che descriva le condizioni in cui versa l’immobile che ci vi viene dato in affitto e le condizioni per la sua restituzione.

Se si decidesse di prendere in affitto un appartamento arredato, sarebbe opportuno allegare al contratto un inventario di tutti i mobili e oggetti presenti nell’immobile, indicando se sono nuovi oppure usati. Una volta posto nero su bianco, l’inquilino e il proprietario sono legati alle condizioni pattuite.
I documenti propedeutici alla firma del contratto sono i seguenti:

  • una copia di un valido documento di riconoscimento.
  •  tre buste paga recenti e il vostro contratto di lavoro.
  • Un modulo che prende il nome di Mieterselbstauskunft che include informazioni personali e finanziarie.
  •  Schufa, un modulo che testimonia serietà e affidabilità nei pagamenti e mancanza di debiti.
  •  Mietschuldenfreiheitsbestätigung – si tratta di una dichiarazione di un ex proprietario di casa che conferma che l’inquilino non ha debiti nei suoi confronti.

Pubblicato da Marco Borriello

Tag:

Condividi su:

Hai bisogno di informazioni sui nostri corsi?

Siamo sempre a tua disposizione per qualsiasi dubbio o domanda sui nostri corsi.

(+39) 348 91 81 362