Anche in Germania si festeggia la festa dei lavoratori.

Le sue origini risalgono al movimento operaio statunitense. Il 1 maggio 1886 i sindacati indissero uno sciopero generale della durata di diversi giorni. Le ragioni principali erano le cattive condizioni di lavoro e la pessima retribuzione dei lavoratori dell’industria

Tuttavia, il fatto che la campagna fosse prevista per questa data non è stata una coincidenza. Il 1° maggio, il cosiddetto “Moving Day”, tradizionalmente scadevano i vecchi contratti di lavoro negli Stati Uniti e ne venivano stipulati di nuovi.

Per questo si é pensato di indirla proprio questo giorno.

La richiesta più importante era che l’orario di lavoro giornaliero fosse ridotto a otto ore.

Il movimento operaio negli USA si batteva per questo già dagli anni Sessanta dell’Ottocento. A quel tempo i sindacati riuscirono a ridurre l’orario di lavoro da tredici a dieci ore.

Una follia se ci pensate.

Tuttavia, i lavoratori continuarono a lavorare in condizioni precarie per il paese, che divenne la principale potenza economica mondiale nella seconda ondata di industrializzazione. Per attuare finalmente la giornata lavorativa di otto ore, al primo giorno dello sciopero generale negli Stati Uniti hanno partecipato circa 400.000 dipendenti di 11.000 aziende. Uno dei luoghi del raduno era la città operaia di Chicago .

Il terzo giorno di sciopero, il 3 maggio 1886, durante una manifestazione a Haymarket Square a Chicago si verificò un incidente sanguinoso.

Secondo le informazioni ufficiali, anarchici e radicali di sinistra hanno lanciato bombe a grappolo contro gli agenti di polizia.

È scoppiato il caos.

La polizia ha aperto il fuoco. Alcuni manifestanti hanno risposto al fuoco.

Alla fine della giornata, sette agenti di polizia e almeno quattro lavoratori erano morti e decine erano rimasti feriti. L’incidente ha avuto conseguenze legali. In un caso giudiziario, il cosiddetto “affare Haymarket”, sono state emesse sette condanne a morte contro i leader e quattro sono state eseguite.

La fine cruenta dello sciopero alla fine ha portato all’attuazione di alcune delle richieste.

Dal 1° maggio 1890 gli americani ottennero le loro 8 ore.

Nei decenni successivi, il Partito socialdemocratico tedesco (SPD) si adoperò per istituire il 1° maggio come giorno festivo.

Nell’aprile 1919 era finalmente giunto il momento: l’Assemblea nazionale della Repubblica di Weimar dichiarò per la prima volta la “Festa dei lavoratori” un giorno festivo in tutta la Germania, ma solo per l’anno in corso.