La Wanderlust, il viaggio verso nuovi orizzonti

Vocabolario della lingua Tedesca
La Wanderlust, il viaggio verso nuovi orizzonti

La Wanderlust, il viaggio verso nuovi orizzonti

Wanderlust. Vi è mai capitato di leggere o sentire questa parola tedesca?

L’avrete magari incontrata leggendo un buon libro o, ancora più probabilmente, in una didascalia di una fotografia postata sui social che immortala un bel paesaggio, delle nuvole dal finestrino di un aereo oppure un passaporto poggiato su dei bagagli pronti per un lungo viaggio.

Ma che cosa significa? Scopriamolo insieme!

L’origine e il significato del termine Wanderlust

Il vocabolo Wanderlust è una parola composta che deriva dal verbo tedesco wandern, ossia ‘vagare senza una meta’, ‘esplorare’, ‘viaggiare’, e dal sostantivo Lust, cioè ‘voglia’ o ‘desiderio’. 
 
 
Se consultassimo un dizionario tedesco-italiano, potremmo trovare, ad esempio, qualcosa come ‘desiderio di vagare senza una meta’ piuttosto che ‘voglia di esplorare’, ma si tratterebbe di espressioni che non ne rendono in modo completo il senso, o meglio, non rendono del tutto la forza intrinseca al suo significato.
 
Ebbene sì, la Wanderlust è molto più che un semplice vocabolo in tedesco.
Essa esprime la voglia di dirigersi alla scoperta del nuovo, di intraprendere un viaggio verso nuovi orizzonti, uscendo dai confini del proprio mondo – tanto da un punto di vita fisico quanto mentale. Tale desiderio si configura talvolta come una necessità di lasciarsi alle spalle il passato, di avventurarsi in qualcosa di ignoto.
 
In effetti, molto spesso, è proprio ciò che non conosciamo a darci la possibilità di vivere emozioni e sensazioni nuove, di farci conoscere persone, culture e stili di vita diversi dal nostro.
 
“Wandern ist eine Tätigkeit der Beine und ein Zustand der Seele” (letteralmente: “vagare è un’attività delle gambe e uno stato dell’anima”), scriveva Josef Hofmiller: una frase che esprime con chiarezza e semplicità la natura della Wanderlust.

La figura del Wanderer nella cultura artistico-letteraria tedesca

Al concetto di Wanderlust è spesso associata la figura del Wanderer, il ‘viandante’, ossia colui che, vivendo a stretto contatto con la natura,
 
intraprende un viaggio alla ricerca di se stesso, dirigendosi verso qualcosa che gli è sconosciuto, ma del quale sente il richiamo a livello interiore, personale. Tale richiamo rappresenta una chiara necessità di entrare in contatto con realtà nuove e, molto spesso, diverse.
 
L’immagine del viandante è diventata emblematica nella cultura tedesca, soprattutto nella letteratura romantica grazie ad autori come Johann Wolfgang von Goethe, Joseph von Eichendorff e Joseph Victor von Scheffel, ma anche nella musica con Schubert e nell’arte con il celebre dipinto intitolato “Il Viandante sul mare di nebbia” di Caspar David Friedrich, il quale rappresenta graficamente il concetto sotteso al vocabolo tedesco Wanderlust.

Un viaggio alla scoperta del tedesco

La lingua esprime la cultura di un popolo attraverso parole e combinazioni di parole, frasi  e testi.
Anche noi possiamo essere Wanderer,
‘viandanti’, addentrandoci in un percorso linguistico e culturale alla scoperta della lingua e della cultura tedesca, esplorando così il significato delle parole e delle strutture linguistiche del tedesco e, perché no, facendo un bel viaggio alla scoperta della Germania e delle sue bellezze naturali, nonché dei suoi panorami urbani mozzafiato!
 
La lingua tedesca è senza dubbio la chiave per accedere alla cultura e alla mentalità tedesche. Ci permette di arrivare direttamente al cuore dei germanofoni, e, al contempo, di comprendere e apprezzare le somiglianze e le divergenze che intercorrono tra italiani e tedeschi.
 
Di fatto, intraprendere un viaggio significa anche mettersi in discussione, aprirsi al confronto con l’altro: un confronto dal quale si esce arricchiti in termini di esperienze, emozioni e conoscenze.
 
E poi, diciamocelo, studiare il tedesco ci dà accesso ai capolavori della letteratura tedesca: leggere Goethe, Schiller o Eichendorff direttamente in lingua originale, senza passare per l’intermediario di una delle mille traduzioni italiane, è un po’ come fare un tuffo nel passato, vedere come si evolvono la cultura e gli interessi culturali stessi del popolo tedesco, considerando il susseguirsi di generazioni, luoghi e idee.
 
Il tedesco e, più in generale, il mondo germanofono sono un’avventura a tutto tondo, dove, per coglierne appieno l’essenza, bisogna essere un po’avventurosi, avere voglia di intraprendere un nuovo viaggio, avere insomma un po’ di… Wanderlust!

Pubblicato dal docente: Vittorio

Tag:

Condividi su:

Hai bisogno di informazioni sui nostri corsi?

Siamo sempre a tua disposizione per qualsiasi dubbio o domanda sui nostri corsi.

(+39) 348 91 81 362