L’etnoletto Kanak Sprak (Prima parte)

Blog Italiani In Germania,Cultura Tedesca,La grammatica della lingua Tedesca,Vivere in Germania

L’etnoletto Kanak Sprak (Prima parte)

Come ben sappiamo, il tedesco è la lingua ufficiale della BRD (Bundesrepublik Deutschland – Repubblica federale tedesca). Nei 16 Länder che la compongono, però, si parlano anche vari dialetti totalmente diversi tra loro. Presso la città di Berlino, ad esempio, è sempre più diffusa la Kanak Sprak o Kanakensprache, soprattutto tra i più giovani.

Introduzione

In principio il termine Kanak (canaco) aveva il significato di essere umano in Nuova Caledonia. I coloni francesi, che occuparono l’arcipelago nella seconda metà del XIX secolo, utilizzarono il termine per indicare in senso spregiativo il popolo colonizzato.

Introdotto in Germania a partire dagli anni sessanta, kanak designava negativamente gli immigrati in particolare di origine turca. Lo scrittore Feridun Zaimoğlu, negli anni novanta, trasforma kanak da parola negativa a termine che esprime l’orgoglio identitario degli immigrati. Con la pubblicazione di “Kanak Sprak – 24 Mißtöne vom Rande der Gesellschaft” nel 1995 lo scrittore turco-tedesco Zaimoğlu riesce a ritagliarsi uno spazio importante nell’ambito della letteratura tedesca e guadagna successivamente un’eco politico-sociale che darà vita tre anni dopo al movimento Kanak Attak (si tratta di un vero e proprio movimento politico, un network di attivisti antirazzisti).

Caratteristiche peculiari della Kanak Sprak

Il livello linguistico è alquanto colloquiale non solo da un punto di vista sintattico, ma anche lessicale. Lo scritto e il parlato sono sullo stesso piano.

Nella parlata canaca, i tedeschi sono “zazzere gialle”, le donne tedesche “christenladies” (lady cristiane) o “kleingören” (piccole mocciose), termini chiaramente sarcastici. Successivamente “Nischt” sostituisce la forma corretta “nicht” per ricreare la pronuncia distorta dei canachi. Tutte le forme pronominali vengono soppiantati da il “wo” (l’avverbio di luogo ‘dove’), le affricate si semplificano (“kopp” invece di “kopf”), vengono poi a mancare le declinazioni.

Le frasi sono separate da virgole, interrotte da interiezioni, intercalari, tra cui Bruder, sul modello di brother. Di seguito una tabella contenente alcune espressioni della Kanak Sprak tradotte in Hochdeutsch e italiano.

Kanak

Tedesco formale

Italiano

Yalla

Los geht’s

Salve

Machst du rote Ampel

Du gehst bei Rot über die Straße

Attraversi la strada col rosso

Hast du U-Bahn?

Nimmst du die U-Bahn?

Prendi la metro?

Ich hab Fahrrad

Ich nehme das Fahrrad

Vado con la bici

Was guckst du; bin ich Kino?

Provozier mich nicht

Non mi provocare

Wir sind jetzt neues Thema

Wir sind jetzt bei einem anderen Thema

Discutiamo di altro

Wallah

Ich schwöre/Bei Gott

Rafforzativo

Siktir

Hau ab. Verpiss dich

Forma di ingiuria

Ich mach dich Messer

Ich greife dich mit einem Messer an

Ti attacco con un coltello

Ischwör (Ich schwöre. Wirklich)

Ich schwöre

Ti giuro

Lassma treffen

Lass mich gehen

Lasciami andare

Hast du Handy bei?

Hast du ein Handy?

Possiedi un cellulare

Bibliografia
Borriello, Marco; Analisi sulla Kanak Sprak nel mondo dei media, 2017 (pp. 4-7)

Condividi su:

Hai bisogno di informazioni sui nostri corsi?

Siamo sempre a tua disposizione per qualsiasi dubbio o domanda sui nostri corsi.

(+39) 348 91 81 362